Due robot giapponesi stanno esplorando l’asteroide Ryugu

43

Sono stati sganciati dalla sonda Hayabusa 2 e sono atterrati con successo sull’asteroide Ryugu: sono i due rover giapponesi lanciati dall’agenzia spaziale giapponese JAXA che porteranno avanti la prima missione mobile su un asteroide nella storia.

La JAXA ha anche pubblicato alcuni tweet con le primissime immagine scattate dai due robot, mosse ma comunque decisamente suggestive. I rover effettueranno dei salti che potranno arrivare fino a 15 metri e durare addirittura 15 minuti, considerata la forza gravitazionale minima presente sul corpo celeste.

Ovvia la soddisfazione dell’agenzia spaziale giapponese, considerato anche che già nel 2005 fu tentata un’azione simile con un asteroide ma alla fine l’operazione si risolse in un insuccesso.

Tra un mese avverrà un altro evento fondamentale della missione: Hayabusa 2 sgancerà un “impactor” che esploderà sulla superficie di Ryugu e provocherà un cratere che, come facile immaginare, permetterà ai rover di esplorare anche il materiale interno, al “riparo” dalle radiazioni spaziali durante millenni.