Benessere e Salute

Australia: proposta di legge per tutelare le vittime di violenza sessuale

Una nuova proposta di legge, avanzata dallo stato del Victoria, in Australia, riconferma la vocazione progressista del paese. Nella fattispecie, la misura vieterebbe di diffamare chi denuncia una violenza sessuale. La notizia è molto recente e permetterebbe alle vittime di violenza sessuale di non sentire più il peso che grava sulle loro spalle a causa delle inutili speculazioni delle persone che le circondano che vedrebbero, tristemente, gli aggressori innocenti e le vittime stesse colpevoli di voler rovinare altre persone per ottenere visibilità o a causa di edulcorazioni della realtà.

Un messaggio sbagliatissimo che, troppe volte si è interposto tra la realtà dei fatti, il desiderio di denuncia e la decisione finale di persone rimaste, intanto, traumatizzate a vita. In un mondo in cui la sicurezza del singolo comincia a passare ingiustamente in secondo piano, l’Australia si mobilita a favore delle vittime. Sono le politiche sociali come questa a rendere l’Australia una meta molto ambita per completare gli studi universitari. Rispondendo a queste richieste, il sito di Lae Edu, organizzazione internazionale per studiare all’estero che offre assistenza gratuita, fornisce un approfondimento sui visti di lavoro post studio e sui requisiti per ottenerli.

Sono stati troppi i casi in cui gli aguzzini sono stati assolti per motivi stupidi, dati in pasto ai media per demonizzare le figure già ostracizzate delle donne che, prima vengono invogliate a denunciare e, successivamente, vengono incolpate per averlo fatto, solo per fagocitare una macchina di costrutti viscida ed inegualitaria. In Australia, lo stato federale del Victoria ha deciso, per l’appunto, di sviluppare un disegno di legge che vieterebbe la possibilità di citare in giudizio per diffamazione chi denuncia una violenza sessuale

I dettagli della proposta di legge per la tutela delle vittime di violenza sessuale

Un disegno di legge che sta facendo molto discutere, in Australia e non solo. Chi denuncia aggressioni sessuali e molestie, infatti, potrebbe godere di una specie di immunità che, stando ai documenti di consultazione pubblicati dal governo dello Stato australiano, verrebbe applicata anche quando la denuncia sia deliberatamente o maliziosamente effettuata a mezzo di una dichiarazione falsa o fuorviante. Si tratta, insomma, di una soluzione dai tratti estremi che impedirebbe all’altra parte in causa di tutelarsi anche qualora, effettivamente, non ci sia stata violenza effettiva, fisica o psicologica che sia.

Il documento avvalora tali scelte, però, sulla base della rarità delle effettive denunce false e per il fatto che il problema più significativo nel paese è la riluttanza degli individui sopravvissuti a denunciare. La proposta di legge continua declamando una problematica molto seria in Australia, visto che tra il 70% ed il 90% degli australiani vittime di aggressioni sessuali, non abbiano denunciato gli accaduti alle forze dell’ordine. La proposta mirerebbe, dunque, ad incoraggiare i cosiddetti “survivor”, assistendoli nella loro lotta in cerca di giustizia dopo essere rimasti vittime di un atto particolarmente deprecabile.

Come già accennato in precedenza, la proposta di legge in oggetto ha destato non poco clamore tra l’opinione pubblica australiana. Diverse personalità pubbliche e cariche istituzionali si sono esposte, dicendo la loro su una tematica particolarmente delicata come quella trattata dal disegno, affermando, in molti casi, che la legge porterebbe giovamento, visto che, pare, siano davvero poche le persone che, dopo aver denunciato un atto di violenza sessuale, siano state a loro volta citate in giudizio per diffamazione. Insomma, c’è molta fiducia nei confronti di questa proposta di legge che, per quanto sia ancora in fase di discussione, potrebbe portare una piccola, grande rivoluzione di matrice del tutto positiva nel Victoria e, magari, anche nel resto del mondo.

Giulia D'Ambrosio

Sono laureata in Scienze naturali e appunto la scienza è la mia passione. Seguo il mondo della tecnologia e quotidianamente mi informo sulle notizie del settore. Non mi perdo nessuna news sul mondo scientifico e tecnologico.
Close