Scienza e Tech

Ingegneria genetica: storia e scenari futuri

Il mondo della tecnologia ha conosciuto una serie di sviluppi decisamente ineressanti negli ultimi tempi, ragione per cui al giorno d’oggi è possibile beneficiare di una serie di prestazioni un tempo inimmaginabili.
A dare il contributo definitivo a questa ventata di cambiamento ci ha pensato sicuramente l’ingegneria genetica: si tratta di una particolare branca della scienza che si avvale del supporto fondamentale della tecnologia per poter eseguire determinate operazioni.
La parola ingegneria genetica è sicuramente nota a molte persone: ma in cosa consiste esattamente?

La storia dell’ingegneria genetica

L’ingegneria genetica trova la sua prima applicazione concreta verso la fine degli anni sessanta del novecento; da un punto di vista più specifico e circoscritto, si può parlare di ingegneria genetica nel momento in cui la tecnologia, altro elemento che negli ultimi anni ha fatto passi da gigante, si unisce alla scienza medica, dando così luogo a delle scoperte di importanza epocale.

Grazie al supporto fondamentale fornito dai macchinari oggi messi a disposizione, infatti, è possibile ottenere dei risultati strabilianti sotto ogni punto di vista e in ogni cambito, che non si esauriscono solo ed esclusivamente in quello medico.

L’ingegneria genetica, infatti, oggi conosce diversi ambiti di applicazione: si parte sia da quello farmacologico per poi passare a quello alimentare, zoologico e via discorrendo.

Oltre questi ambiti così interessanti, però, è importante sottolineare anche le grandi scoperte rese possibili grazie all’utilizzo della tecnologia applicata alla scienza.

Le grandi scoperte dell’ingegneria genetica

Il 2002 è una data fondamentale: in quell’anno, infatti, grazie al supporto dell’ingegneria genetica fu possibile trovare per la prima volta un vaccino all’epatite; si trattò, a tal proposito, di una scoperta caratterizzata da un’importanza tale da far sì che tutta l’attenzione si concentrasse proprio sugli sviluppi futuri dell’ingegneria genetica, motivo per il quale oggi è arrivata a toccare vette altissime.

Grazie al supporto fondamentale della tecnologia, quindi, fu possibile trovare una soluzione definitiva all’epatite B, consegnando così all’umanità un vaccino in grado di neutralizzare in via definitiva questa particolare circostanza clinico/patologica.

La tecnica del DNA ricombinato

L’ingegneria genetica è legata in maniera indissolubile alla tecnica del DNA ricombinato: si tratta di un particolare processo che ha come scopo principale quello di isolare un particolare gene per poi poterlo adoperare in diversi patrimoni genetici. Si dà così il via ad un processo di clonazione delle informazioni del corredo genetico che, attraverso una serie di studi mirati, può addirittura risolvere una serie di problematiche sulle quali un tempo era complicato intervenire.

Basti pensare, ad esempio, che attraverso la tecnica del DNA ricombinato è possibile identificare e diagnosticare in maniera preventiva tutte quelle che sono eventuali patologie come ad esempio la sindrome di Down o malattie congenite, o anche migliorare in maniera percettibile quello che è il patrimonio genetico di ogni singolo soggetto coinvolto nell’operazione di ricombinazione.

In definitiva, quindi, se è vero che l’ingegneria genetica ha fatto passi da gigante, è anche vero che occorre restare adeguatamente aggiornati riguardo argomenti di questo genere. Affidarsi al sito https://tech4future.info/ significa semplicemente avere sempre a portata di click delle informazioni utili, adeguatamente approfondite e studiate nei minimi dettagli, conferendo così ad ogni genere di articolo una professionalità unica in grado di fornire delle notizie attendibili, chiare da leggere e fruibili da tutti gli utenti.

Paola Girardi

Amo la natura in tutti i suoi aspetti, mi rilasso facendo delle lunghe passeggiate in mezzo al verde. Non perdo l'occasione per apprezzare la realtà che ci circonda. Il nostro pianeta è la nostra casa ed è essenziale rispettarlo per vivere meglio.
Close